HomeSu di meLibro degli ospitiPoesieFotoArticoliAmici PoetiRecensioniFotopoesieBlog-La voce della poesiaAutori vari
DELL'INDICIBILE E ALTRO
EMOZIONI DELLA SCRITTURA
In Prospettiva
Itinerari di-versi
Itinerari di-versi 2
Perle di saggezza
In limine
In limine 2
Inserimenti su suonamiunapoesia
Video preferiti
Scheda personale
e-book
Ottobre, 2010
Novembre, 2010
Dicembre, 2010
Gennaio, 2011
Febbraio, 2011
Marzo, 2011
Aprile, 2011
Maggio, 2011
Giugno, 2011
Luglio, 2011
Settembre, 2011
Ottobre, 2011
Novembre, 2011
Gennaio, 2012
Febbraio, 2012
Marzo, 2012
Aprile, 2012
Maggio, 2012
Giugno, 2012
Luglio, 2012
Agosto, 2012
Settembre, 2012
Ottobre, 2012
Novembre, 2012
Dicembre, 2012
Gennaio, 2013
Febbraio, 2013
Aprile, 2013
Maggio, 2013
Giugno, 2013
Luglio, 2013
Agosto, 2013
Settembre, 2013
Ottobre, 2013
Novembre, 2013
Dicembre, 2013
Gennaio, 2014
Febbraio, 2014
Marzo, 2014
Aprile, 2014
Maggio, 2014
Giugno, 2014
Luglio, 2014
Agosto, 2014
Settembre, 2014
Ottobre, 2014
Novembre, 2014
Dicembre, 2014
Gennaio, 2015
Febbraio, 2015
Marzo, 2015
Aprile, 2015
Maggio, 2015
Giugno, 2015
Luglio, 2015
Agosto, 2015
Settembre, 2015
Ottobre, 2015
Blog-La voce della poesia
RSS
Poesia di Ottobre
2015/10/01 22:59:04

Non basta aprire la finestra

per vedere i campi e il fiume.

Non basta non essere cieco

per vedere i fiori e gli alberi.

Occorre anche non avere nessuna filosofia.

Con la filosofia non ci sono alberi: ci sono solo idee,

C’è solo ognuno di noi, come un sottoscala.

C’è solo una finestra chiusa, e dall’altra parte il mondo;

E c’è un sogno che si vedrebbe, aprendo la finestra,

Che non è mai ciò che vediamo, quando alla fine si apre la finestra.



F. Pessoa


 


 




Kandinskji

Messaggio di Settembre
2015/09/02 21:35:24



"Si è detto che il poeta è il grande terapeuta. In questo senso, il fare poetico implicherebbe l'esorcizzare, lo scongiurare e anche il riparare. Scrivere una poesia è riparare la ferita fondamentale, lo strappo. Perché siamo tutti feriti."




Alejandra Pizarnik


 




Messaggio di Agosto
2015/08/01 19:09:12

Scrivi, ti prego. Due righe sole, almeno, anche se l’animo è sconvolto e i nervi non tengono più. Ma ogni giorno. A denti stretti, magari delle cretinate senza senso, ma scrivi. Lo scrivere è una delle più ridicole e patetiche nostre illusioni. Crediamo di fare cosa importante tracciando delle contorte linee nere sopra la carta bianca. Comunque, questo è il tuo mestiere, che non ti sei scelto tu ma ti è venuto dalla sorte, solo questa è la porta da cui, se mai, potrai trovare scampo. Scrivi, scrivi. Alla fine, fra tonnellate di carta da buttare via, una riga si potrà salvare. (Forse).



Dino Buzzati


 




 


Messaggio di Luglio
2015/07/02 23:00:30

Noi abbiamo sognato il mondo.

Lo abbiamo sognato resistente, misterioso, visibile,

ubiquo nello spazio, fermo nel tempo.

Ma abbiamo ammesso nella sua architettura

tenui ed eterni interstizi di assurdità

per sapere che è finto.



J. L. Borges, in Finzioni


 




 


Poesia di Giugno
2015/06/03 23:19:57

Giorgio Caproni



Com’è alto il dolore.

L’amore com’è bestia.

Vuoto delle parole

che scavano nel vuoto vuoti

monumenti di vuoto. Vuoto

del grano che già raggiunse

(nel sole) l’altezza del cuore.




 


Poesia di Maggio
2015/05/01 22:18:10

...perch'io, che nella notte abito solo,

anch'io, di notte, strusciando un cerino

sul muro, accendo cauto una candela

bianca nella mia mente - apro una vela

timida nella tenebra, e il pennino

strusciando che mi scricchiola, anch'io scrivo

e riscrivo in silenzio e a lungo il pianto

che mi bagna la mente...



Giorgio Caproni


 


 


Poesia di Aprile
2015/04/03 21:23:20

Resurrezione



rinfranca

il Tuo offrirti in croce

chicco che germoglia

in esplosione di vita



ma il silenzio del cuore

si fa abisso:

duemilanni e la pietra

sepolcrale come non fosse

rimossa:



al primo canto

a rinnegarti



Felice Serino


 




 


Poesia di Marzo
2015/03/01 11:13:40

Creature di un giorno…

sogno di un’ombra

sono gli esseri umani.



Pindaro


 




 


 


Poesia di Febbraio
2015/02/01 12:05:48

E l’amore guardò il tempo e rise,

perché sapeva di non averne bisogno.

Finse di morire per un giorno,

e di rifiorire alla sera,

senza leggi da rispettare.

Si addormentò in un angolo di cuore

per un tempo che non esisteva.

Fuggì senza allontanarsi,

ritornò senza essere partito,

il tempo moriva e lui restava.



Luigi Pirandello


 




Poesia di Gennaio 2015
2015/01/03 15:40:25

La mia poesia è alacre come il fuoco

trascorre tra le mie dita come un rosario

Non prego perché sono un poeta della sventura

che tace, a volte, le doglie di un parto dentro le ore,

sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida,

sono il poeta che canta e non trova parole,

sono la paglia arida sopra cui batte il suono,

sono la ninnanànna che fa piangere i figli,

sono la vanagloria che si lascia cadere,

il manto di metallo di una lunga preghiera

del passato cordoglio che non vede la luce.



Alda Merini


 




Aforisma di dicembre
2014/12/01 22:28:35

L'ultima cosa che ci attende non può essere la nostra morte,

perché i desideri del nostro sangue da qualche parte devono continuare.



Izet Sarajlic


 




Messaggio di Novembre
2014/11/06 22:48:13

In quel giardino io ero nella Psiche, mi accorgevo che tutto era psicologia intorno a me,

tutto parlava psicologicamente. Il mondo è come un giardino in quanto si manifesta;

è un mondo di cose come alberi, sentieri, ponti; è anche un mondo di intuizioni, di metafore,

di insegnamenti - a disposizione di ogni anima che passa - dati con la facilità dei riflessi sul lago:

il giardino rende più intellegibile e più bella l'interiorità dell'anima.



James Hillman


 




Poesia di ottobre
2014/10/01 22:58:43

Fine 7



Ritorno ed è ancora sul greto

orma di mare

mentre l’onda si esilia.

E m’imbarca:

e saluto le rive e i colori,

sfumo nel dolce morente

tramonto,

con te mare,

ora vasta

della mia fine notturna.



antonia pozzi


 




Poesia di ottobre
2014/10/01 22:58:27

Fine 7



Ritorno ed è ancora sul greto

orma di mare

mentre l’onda si esilia.

E m’imbarca:

e saluto le rive e i colori,

sfumo nel dolce morente

tramonto,

con te mare,

ora vasta

della mia fine notturna.



antonia pozzi


 




Messaggio di settembre
2014/09/01 21:45:42
"Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino. Noi Leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana. E la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento. Ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l'amore, sono queste le cose che ci tengono in vita."

Professor John Keating (Robin Williams)
dal film "L'attimo fuggente" di Peter Weir






Poesia di agosto
2014/08/01 22:51:15

Alda Merini

Anche l’oggi sarà dentro la storia
della mia vita ma non era l’oggi
che io volevo quand’ero bambina:
oggi è un oggi diverso, senza grida,
afono e grigio come una fontana
oggi è l’oggi di ieri manifesto
solo nel mio respiro prigioniero:
o larghe nubi come fonderei
volentieri il mio passo
dentro quel cielo che racchiude tutta
tutta l’avversità del mio destino.




"Una delle prerogative del poeta, che è anche stata la mia, è non discutere mai da che parte venisse il male. Io l’ho accettato ed è diventato un vestito incandescente, è diventato poesia”

Alda Merini





 
Messaggio di luglio
2014/07/01 22:18:32


Ho bisogno d’inventare una rima tra quello che sta succedendo e qualcosa di altro.

Ho bisogno di accoppiare un vicolo cieco in cui mi sono cacciato a qualche sconfinata prateria.

Mi fa da ormeggio per non naufragare.

Sono predisposto al soccorso della poesia, che non è un’arte di arrangiare fiori, ma urgenza di afferrarsi a un bordo nella tempesta.

Per me è pronto soccorso, la poesia, non una sviolinata al chiaro di luna.

È botta di salvezza.

Erri De Luca



 



Messaggio di giugno
2014/06/01 13:45:35
"La poesia , la più sublime delle arti! Il poeta ha delle chiavi in più: quella dell'essenza piena della vita, la chiave per l'ultima porta, quella dell'immortalità. Il poeta arriva sempre a destinazione e tocca le corde più sottili, quelle non percepite da tutti. Un sesto senso che non si vede, né si tocca, né si ascolta, ma si avverte soltanto con la mente ed il cuore. E' raro ed è bello incontrare un poeta, ed è la fortuna più grande che può capitare ai mortali..."

Antonio Spagnuolo - dal blog: http://antonio-spagnuolo-poetry.blogspot.it







 
Messaggio di Maggio
2014/05/01 21:20:12
"La poesia , la più sublime delle arti! Il poeta ha delle chiavi in più: quella dell'essenza piena della vita, la chiave per l'ultima porta, quella dell'immortalità. Il poeta arriva sempre a destinazione e tocca le corde più sottili, quelle non percepite da tutti. Un sesto senso che non si vede, né si tocca, né si ascolta, ma si avverte soltanto con la mente ed il cuore. E' raro ed è bello incontrare un poeta, ed è la fortuna più grande che può capitare ai mortali..."

Antonio Spagnuolo - dal blog: http://antonio-spagnuolo-poetry.blogspot.it








 
Poesia di aprile
2014/04/01 21:58:20

Alda Merini

Anche l’oggi sarà dentro la storia
della mia vita ma non era l’oggi
che io volevo quand’ero bambina:
oggi è un oggi diverso, senza grida,
afono e grigio come una fontana
oggi è l’oggi di ieri manifesto
solo nel mio respiro prigioniero:
o larghe nubi come fonderei
volentieri il mio passo
dentro quel cielo che racchiude tutta
tutta l’avversità del mio destino.




"Una delle prerogative del poeta, che è anche stata la mia, è non discutere mai da che parte venisse il male. Io l’ho accettato ed è diventato un vestito incandescente, è diventato poesia”

Alda Merini



95 voci totali 1  2  3  4  5 



Home|Su di me|Libro degli ospiti|Poesie|Foto|Articoli|Amici Poeti|Recensioni|Fotopoesie|Blog-La voce della poesia|Autori vari